Esegui ricerca

 

 

2020 Stati generali dell'industria musicale italiana

31 gennaio 2020

 

È un appello al Governo, e in particolare al Ministro Dario Franceschini, quello rivolto dall’industria musicale riunita a Sanremo, affinché l’Italia recepisca al più presto la nuova Direttiva sul Copyright.

Adottata dall’Unione Europea nel 2019 dopo un lungo e articolato confronto, anche molto acceso, in sede comunitaria, per l’industria musicale la Direttiva è uno strumento essenziale per garantire un migliore e più equilibrato accesso ai contenuti digitali, garantendo un’adeguata remunerazione e una maggiore responsabilità per le piattaforme, superando il cosiddetto Value gap e proiettando definitivamente il settore nell’era dello streaming. 

Oggi l’industria musicale rappresenta il settore con la percentuale di offerta online più elevata: infatti, oltre il 75% a livello globale - il 70% in Italia - del consumo di musica avviene grazie al digitale. Milioni di brani sono accessibili in qualsiasi istante e da qualsiasi luogo, senza barriere. 

Il mercato italiano, nei primi mesi del 2019, ha mostrato una crescita del 5%, con lo streaming a rappresentare il 67% del settore. E l’87% dei cento album più venduti nel 2019 sono stati di artisti italiani: un successo notevole, costruito anche da nuove generazioni di creativi.

“La direttiva Copyright, approvata dal Parlamento di Bruxelles dopo anni di dibattito, rappresenta un punto di equilibrio tra gli interessi dei consumatori, delle piattaforme e dei creatori di contenuto per uno sviluppo sano ed efficace dell’economia digitale dei prodotti culturali. Confidiamo nella responsabilità sempre dimostrata dal ministro Franceschini per il non più procrastinabile recepimento delle norme nell’ordinamento italiano” dichiara il Presidente di Confindustria Cultura, Innocenzo Cipolletta.

“La direttiva Copyright va a sanare il fatto che le grandi piattaforme ottengono proventi dai contenuti senza riconoscere nulla agli autori degli stessi. Con il recepimento delle nuove norme anche in Italia i giganti del web dovranno dare qualcosa alla filiera. Non dimentichiamo che l’industria culturale è la terza nel nostro Paese e fa lavorare un milione e mezzo di persone. Quando abbiamo iniziato la nostra battaglia in Europa, abbiamo pensato prima di tutto a tutelare la dignità del lavoro dei nostri autori, da cui dipende la conservazione e la ricchezza del nostro patrimonio artistico e creativo. Noi siamo aperti al dialogo, in ogni sede e su ogni tavolo, ma su un punto siamo irremovibili: vogliamo equità e giustizia. Pretendiamo di far valere, per tutti gli autori e i creativi, il principio sacrosanto alla base della Costituzione della Repubblica Italiana, che fonda sul lavoro il nostro essere cittadini di una democrazia” afferma il Direttore Generale di SIAE, Gaetano Blandini.

L’industria musicale Italiana è oggi una realtà moderna e all’avanguardia che ha ampiamente superato la transizione dall’analogico al digitale ed è ora pronta ad affrontare le sfide e le opportunità future in un ecosistema che deve però essere in grado di garantire la tutela dei diritti e un’equa distribuzione dei proventi”: sono le parole di Paolo Franchini, Presidente FEM.

“Il digitale è ormai una realtà consolidata con opportunità enormi per il settore musicale e la nuova legislazione chiuderà quelle criticità, come il Value gap, la discriminazione remunerativa, che ne hanno limitato lo sviluppo fino ad oggi” chiosa Enzo Mazza, CEO FIMI.

Per questo motivo è così importante che l’Italia segua l’Europa e recepisca al più presto la normativa comunitaria: per sostenere questo percorso di innovazione e per offrire al settore grandi opportunità, anche sul piano globale.

Le principali associazioni dell’industria musicale italiana, insieme a SIAE e Confindustria Cultura, il 7 Febbraio hanno sottoscritto l’appello consegnato ai rappresentanti delle istituzioni durante gli Stati Generali dell’industria musicale a Sanremo.

PROGRAMMA

Introduzione: Paolo Franchini - Presidente Federazione Editori Musicali (FEM)

Apertura lavori e saluti: Professor Innocenzo Cipolletta - Presidente Confindustria Cultura Italia (CCI) 

Coordina gli interventi: Francesca Grimaldi - Direttore Relazioni Istituzionali e Associative - Federazione Industria Musicale Italiana (FIMI) 

 

  1. IL FUTURO DELLA MUSICA E L’EVOLUZIONE DELLO STREAMING:
  • Enzo Mazza - Ceo FIMI (Federazione Industria Musicale Italiana)
  • Mario Limongelli -  Presidente PMI (Produttori Musicali Indipendenti) 
  • Sergio Cerruti Presidente AFI (Associazione Fonografici Italiani) 

 

  1. IL DIRITTO D’AUTORE SULLE PIATTAFORME DIGITALI:
  • Sergio Maria Fasano - Direttore Divisione Licenze e Servizi Centrali SIAE (Società Italiana Autori e Editori)  
  •  Massimo Benini - Segretario Generale ANEM (Associazione Nazionale Editori Musicali) 

 

  1. APPELLO AL GOVERNO ITALIANO PER L’IMMEDIATO RECEPIMENTO DELLA DIRETTIVA EUROPEA:

Discutono della direttiva e del suo recepimento: il Professor Innocenzo Cipolletta, Enzo Mazza (CEO FIMI), Gaetano Blandini (Direttore Generale di Siae), Paola Passarelli (Direttore Generale Biblioteche e Istituti Culturali MIBACT).

 

Chiusura lavori: Intervento del Presidente di Confindustria Cultura Italia Professor Innocenzo Cipolletta e firma dell’appello al Governo da parte delle associazioni.