Esegui ricerca

 

 

AFI partner della Top of The Music by FIMI/GfK

18 aprile 2019

AFI diventa partner della Top of The Music by FIMI/GfK, la classifica che rileva i dati di vendita settimanali dei prodotti fisici e delle singole tracce digitali

La Top of the Music by FIMI/GfK dalla week 16/2019 avrà un nuovo partner: è AFI - Associazione Fonografici Italiani, che tutela i diritti dei produttori discografici indipendenti. La Top of The Music è la classifica che rileva i dati di vendita settimanali dei prodotti fisici e delle singole tracce digitali in Italia, fornendo un riferimento ufficiale per il mercato musicale.

“Siamo molto lieti della decisione di AFI, associazione storica del settore musicale, di sostenere un importante strumento di monitoraggio e di certificazione quale è la classifica ufficiale dei dischi più venduti in Italia. Le chart sono un patrimonio del settore e fotografano i successi di tutta l’industria musicale senza distinzioni e categorie. La scelta di AFI è pertanto un’ottima notizia per il mercato discografico” afferma Enzo Mazza, CEO FIMI.

Elaborata in base alle informazioni di mercato quantitative rilevate settimanalmente attraverso il servizio “Point of Sales Tracking” di GfK, la Top of The Music è attualmente composta dalle chart Album (100 posizioni), Singoli Digitali (100 posizioni), Vinili (20 posizioni) e Compilation (30 posizioni).

“Esprimo la mia grande soddisfazione per il ritorno dell’AFI all’interno delle classifiche nazionali. Lo ritengo un atto dovuto nei confronti del settore di cui facciamo parte - spiega il Presidente dell’Associazione Fonografici Italiani Sergio Cerruti. L’industria musicale per prima può e deve dare esempio di comunione d’intenti e spirito collaborativo, che sono essenziali per lo sviluppo del settore e la tutela dei propri interessi. E le classifiche rappresentano al meglio questo mio pensiero. Voglio infine sottolineare e doverosamente ringraziare FIMI e il Presidente Enzo Mazza per aver accolto le mie istanze e aver reso possibile questo ritorno”.