Esegui ricerca

 

 

FIMI aderisce al Codice di buone pratiche contro la manipolazione dello streaming

21 giugno 2019

Il tema della manipolazione dello streaming è una preoccupazione crescente per l'industria: per questo motivo un'ampia coalizione di major, etichette indipendenti, editori e management di artisti, oltre naturalmente a IFPI, ha sottoscritto un Codice di buone pratiche del settore, che si propone di rilevare e prevenire la manipolazione dello streaming e di mitigarne gli effetti sul mercato.

Tale Codice traccia le linee guida per fermare le riproduzioni non autentiche sui servizi di streaming strutturati per produrre un migliore posizionamento delle chart, un’equa suddivisione del mercato e dei pagamenti delle royalties.

“Per FIMI si tratta di un buon punto di partenza, che riteniamo debba poi essere messo in pratica con un enforcement efficace contro gli eventuali abusi” commenta Enzo Mazza, CEO di FIMI.

"La manipolazione dello streaming può compromettere l'accuratezza delle classifiche e, in definitiva, l'accuratezza dei pagamenti delle royalties dai servizi di streaming ai creatori di musica. Coloro che creano musica - dagli artisti ai cantautori, passando per etichette, editori e così via - devono essere retribuiti in modo equo e accurato per il loro lavoro e i loro investimenti. Qualsiasi manipolazione dello streaming che comprometta tale equità non può essere tollerata” dichiara IFPI.