Esegui ricerca

 

 

FIMI AL SENATO: approvare con urgenza la Direttiva sul Copyright, l’innovazione ha bisogno di equilibrio

14 maggio 2020

FIMI, la Federazione dell’Industria Musicale Italiana, è stata sentita oggi nell’ambito della legge di delegazione europea che recepisce la direttiva 2019/290/CE.

Nell’audizione il CEO di FIMI, Enzo Mazza, ha ribadito l’urgenza del recepimento ed evidenziato come nell’attuale situazione di lockdown l'aumento dell’utilizzo di piattaforme di video streaming musicali abbia di fatto incrementato il Value Gap, ovvero la discriminazione remunerativa tra diritti riconosciuti e volumi di stream realizzati. In particolare, a fronte di un market share del 22% a livello di stream di una piattaforma come Spotify, YouTube raggiunge una quota del 51%, ma se si guarda alle quote di mercato per ricavi generati per gli aventi diritto Spotify genera il 44,5% mentre da YouTube arriva solo il 6,5% di ricavi.

Mazza ha evidenziato come l’industria discografica sia tra le industrie in prima fila nell’innovazione tecnologica ma l’assenza di una legislazione certa in Europa lascia ancora ampi margini di distorsioni nel sistema. La nuova normativa europea ha affrontato e risolto questi aspetti ma richiede un’urgente implementazione negli ordinamenti nazionali.