Esegui ricerca

 

 

Referendum sui 50 artisti più significativi della musica indipendente italiana: vincono gli Area, prodotto dalla storica etichetta Cramps

14 maggio 2012

Sono gli Area, storica formazione prodotta dalla Cramps Records, associato FIMI, i vincitori del referendum sui 50 artisti più significativi della musica indipendente italiana degli ultimi 50 anni. E' questo il risultato della grande consultazione, per la quale sono stati interpellati 50 giornalisti musicali, è stata indetta dal Mei, il Meeting degli Indipendenti e curata dal giornalista Enrico Deregibus con lo scopo di sottolineare l'importanza della discografia indipendente italiana che grazie a percorsi autonomi, sia artistici che produttivi, ha offerto alla nostra musica buona parte dei suoi artisti più importanti in oltre 50 anni di storia della musica del nostro paese. A Cramps Records vanno pertanto le congratulazioni della Federazione dell'Industria Musicale italiana. Cramps Records, l'etichetta della "musica totale", pubblica le sue prime opere tra il 1973 ed il 1974, rispettivamente : "Arbeit macht frei" degli Area e "John Cage_Nova Musicha n. 1" di John Cage. Due opere apparentemente antitetiche ma entrambe rivoluzionarie, audaci ed innovative, sicuramente in anticipo sui gusti e sulle conoscenze nel senso più ampio del termine. Se da una parte, infatti, gli Area si rivolgono alla ricerca formale, espressiva e comunicativa del messaggio sociale, dall'altra John Cage si spinge verso la ricerca del suono come entità relativa, subordinata alle "variabili" dello spazio-tempo. Lo sviluppo del catalogo discografico Cramps Records ha sempre assecondato questo duplice "atteggiamento", tanto da creare un binomio dove gli elementi interagiscono: quindi chi porta avanti "il messaggio sociale" si interessa anche alla "sperimentazione" riconducibile alle avanguardie storiche (Futurismo e Dadaismo) e ai movimenti di ricerca in campo artistico (es. Fluxus e Zaj). Oggi la Cramps Records rimane un'esperienza unica, per certi versi incontaminata ed integra (nonostante siano trascorsi quasi 40 anni dalla sua nascita), patrimonio della musica italiana ed internazionale.